GIVI Outback Trekker e BMW F800 2014, connubio felice

Alcuni visitatori del vecchio blog si sono affezionati alla problematica del terminale Akrapovic e delle valigie laterali. In sostanza il problema è che, pur essendo di serie, il terminale Akrapovic risulta incompatibile con numerose valigie laterali. La difficoltà risiede, in fase di acquisto, nell’individuare eventuali incompatibilità. Il tema si è evoluto e l’attenzione è caduta su un prodotto GIVI che, all’epoca, era appena uscito: le celebri Outback Trekker. All’epoca avevo scritto un articolo dove esponevo alcune perplessità provenienti proprio da un confronto avuto direttamente con GIVI che, pur non potendo misurare direttamente le distanze con i telai, aveva espresso dubbi sulla compatibilità. Trovate l’articolo qui. Oggi un nostro vecchio lettore ha deciso di donarci le foto di un bauletto GIVI Outback Trekker montato su un F800GS 2014. Per il momento Alessio (questo è il nome del benefattore) ha preso solo il topcase e, credo, presto prenderà anche le laterali. Ha voluto condividere con noi la sua esperienza di prodotto che, mi sembra di capire, è molto positiva.

 

Ciao Iena,
ci siamo sentiti in seguito al mio commento ed alla tua cortese risposta su questo articolo: http://vitadiunmotociclista.wordpress.com/2013/09/08/givi-outback-trekker-connubio-difficile-con-bmw-f800-gs-e-akrapovic/
Alla fine ho acquistato il baule da 42 litri della GiVi mod. Trekker Outback con relativa piastra per la mia nuova F800GS (MY 2014).
Che dire?
Il prodotto è bellissimo (IMHO) e molto ben fatto.
Per ora zero problemi di vibrazioni, fruscii etc.
Si integra alla perfezione sulla F800GS sia come linea che come estetica.
Alla fine dentro ci sta:
– uno Schubert C3
– una tuta OJ total fluo
– sopra scarpe Tucano nano
– una borsina morbida con bomboletta antiforatura, guantini di emergenza, bandana, occhiali di scorta etc.
– un giacchino invernale con cappuccio del Decathlon.

Grazie ad Alessio è possibile capire bene spazi, ingombri e dettagli degli interni (molti topcase non hanno il fondo “morbido”, ad esempio). Vi lascio alle foto fatte dallo stesso Alessio, che ringrazio infinitamente per la collaborazione e la voglia di condividere con noi questo splendido prodotto. Alla prossima.

 

 

 

 

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *