Italia-Spagna: Giorno 12 – El Caminito del Rey

Di questa gita se ne sente parlare poco eppure è una delle attrazioni più interessanti intorno a Malaga. Lasciate che ve ne parli.

ATTENZIONEPurtroppo noi non siamo riusciti a fare l’escursione perchè va prenotato con largo anticipo. Quindi se pensate di visitare l’Andalusia e fare questo percorso, prenotate immediatamente!

Che cosa è…

Per darvi una rapida definizione di che cosa sia preferisco attingere alla Wikipedia.

Il Caminito del Rey (Sentiero del re) è un percorso costruito lungo le pareti del Desfiladero de los Gaitanes a El Chorro, vicino a Álora (Málaga). Si tratta di un passaggio pedonale di 3 km con lunghe rampe larghe appena 1 m sospese fino a 100 m di altezza sul fiume, su delle pareti praticamente verticali. Si trovava in condizioni fatiscenti, quasi tutto il percorso privo di balaustre e c’erano dei tratti crollati dove restava solo la trave di supporto. Tutti questi fattori hanno contribuito alla nascita di una leggenda nera in seguito alla morte di alcuni escursionisti che avevano cercato di attraversarlo. Dopo i restauri, è stato aperto il 28 marzo 2015.

Per posizione e difficoltà, il Caminito non deve essere sottovalutato. Un po’ perchè richiede 4 ore per essere completato (e questo significa che ci si imbatte con temperature alte), un po’ perchè ci sono alcuni punti che richiedono molta attenzione.

L’escursione è pubblicizzata da un sito informativo ufficiale, fatto anche abbastanza bene, che potete trovare al seguente indirizzo:

http://www.caminitodelrey.info/en

Nel nostro caso l’escursione l’ha scovata Laura e mi ha proposto di andarci. Tenete presente che noi siamo un po’ pazzi e che il percorso in questione non è circolare ma lineare. Questo significa che una volta che arrivate alla fine…dovete tornare indietro. Oppure prendere un bus che dalla parte nord vi riporta all’entrata sud (e viceversa). Al Caminito del Rey si arriva in diversi modi: tra cui auto e treni, sia da Malaga che da Antequera o da Ronda (sono tutte molto vicine).

Cosa sapere

Il loro sito, al momento di questo post, fa schifo e non funziona un granché. Ascoltate bene cosa fare: innanzitutto il percorso non è circolare ma lineare. Sono due porte: accesso NORD e accesso SUD. Si accede solo dall’accesso NORD per uscire da quello SUD. Quindi, se aveste un vostro mezzo vi consiglio di:

  1. Arrivare con il vostro mezzo all’accesso SUD.
  2. Lasciate il vostro mezzo nella piazzola preposta e andate a prendere l’autobus che vi porta all’accesso NORD (costa circa 3 euro circa).
  3. Da lì seguite il sentiero per andare alla biglietteria e sperate di avere i biglietti.
Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *