BMW F 800 GS e possibili problemi con le batterie al litio

Sono passati diverse settimane da quando la F800 GS ha deciso di crearmi altri problemi di alimentazione. Ve la farò breve perchè la cosa più importante di questo post, ed è valido per tutte le moto, è può aiutarvi a capire come riconoscere un problema elettrico.

 

Tutto inizia con il pre-ride check vale a dire quel controllo che avviene al momento in cui girate la chiave ed attivate il quadro. Le lancette del tachimetro e contagiri vanno su e tornano indietro, il cruscotto si illumina e, nel caso del BMW GS, un segno di allarme (il triangolo con il punto esclamativo) si attiva per qualche secondo. Ecco. Poi tutto si spegne…o così dovrebbe essere.

 

Dopo aver cambiato il motorino di avviamento (perchè i sintomi c’erano tutti), ho scoperto con tristezza che in realtà non era quello il problema. Così, qualche giorno dopo, intento a cambiare la batteria al gel della BMW (160 euro contro una media oscillante che va dai 90 ai 130), decido di installare quella al litio. La BMW, in merito a questa batteria, si era espressa contraria perchè non ne conosceva i difetti e quindi mi aveva consigliato di rimuoverla. Detto ciò elimino la vecchia batteria al gel e monto quella al litio. Per prima cosa mi rendo conto che la moto funziona perfettamente, poi, provando a ricaricare quella al gel, mi rendo conto che qualcosa non va in quella batteria perchè il caricatore mi segnala difficoltà nel caricarla. Ok, ci può stare, la batteria è difettosa. Può capitare su…

Lascio la batteria al litio e dopo neanche un mese mi accorgo che il segnale di allarme del pre-ride check si spegne sempre più in ritardo fino a quando non arriva a durare 6 secondi contro i neanche due di norma. Così, sconfortato, torno in garage e decido di sostituire nuovamente la batteria ma, prima di farlo, premo il tester sulla batteria al litio e scopro che è carico. A quel punto mi si forma nella testa una doma domanda:

FOSSE LA CENTRALINA CHE NON CAPISCE IL LITIO?

Lo so che la domanda non ha apparente senso ma leggete cosa è successo. Stacco solo il polo negativo e lo rimetto. Rumore classico di quando tutto riparte da capo e via, il motore si accende un lampo. Tutto sembra tornato alla normalità. Dopo una settimana il traccheggio ricomincia. Divento il “mago del polo negativo” e ogni volta il problema si risolve. Di conseguenza il problema non può risiedere nella carica della batteria (che è carica al massimo), nè tatntomeno nel motorino di avviamento. Non è un problema di motore o di accensione perchè l’anomalia si presenta nel pre-ride check, prima di schiacciare il tasto di accensione. Di conseguenza diventa semplicemente di comunicazione tra la batteria e la centralina.

Su internet trovo alcune persone che sospettano che una cnetralinanon abbastanza aggiornata possa essere causa del problema. Altri però la vedono diversamente: la corrente elettrica è identica tra GEL, ACIDO, PIOMBO e LITIO. Altri ancora contestano questo dicendo che il litio fa uscire l’energia in modo troppo potente. A questo punto getto la spugna e capisco che si tratta di un finto problema, un finto avvio difficoltoso. Imparo che appena le lancette del tachimetro tornano giù, benchè la spia di allerta sia ancora accesa, il motore parte che è una meraviglia.

Insomma, la batteria al litio sembra funzionare correttamente, e forse è la moto che non la capisce ma si sa, di incomprensioni è fatto il mondo: la convivenza è importante. Così, come in un condominio che si rispetti, anche loro continueranno a vivere cercando, se possibile, di rompere meno possibile le scatole.

 

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *