Gita a Gallese: la bellezza di un territorio, la delusione di un comune

Oggi saremmo dovuti andare a Gallese, in provincia di Viterbo, per vedere le cascate dei frati. Purtroppo non siamo riusciti a trovarle perchè ci siamo imbattuti in tutta una serie di complicazioni che ci hanno fatto desistere.

Il viterbese è meraviglioso, offre ogni tipo di strada, ogni tipo di panorama, ogni tipo di turismo: è una terra prevalentemente perfetta.

Oggi saremmo dovuti andare a Gallese, alle cascate dei frati che, per intenderci, è questa.

Cascate dei Frati (Fonte)

Sarebbe bello trovare della segnaletica comunale per questo gioiello naturale e invece, a malapena, riuscirete a raggiungere l’oasi WWF segnalata ben poche volte lungo le stradine di campagna. Su un sito (Tesori Nascosti Agro Falisco) abbiamo trovato queste indicazioni:

Per arrivare in questo luogo bisogna prendere la via di San Famiano , il cui ingresso è lungo la strada provinciale 34, poco prima del centro abitato di Gallese, sulla destra. Dopo aver percorso circa 1 km, poco prima di un ponte molto stretto, sulla sinistra, si apre un verde prato. Là, una volta depositato il proprio mezzo di trasporto, inizia il sentiero verso la cascata. Dopo qualche centinaio di metri, questo svolta a destra ed inizia a discendere nel cuore pulsante della forra.

Con tutto il rispetto per questo sito, che si impegna a fornire indicazioni precise, è assurdo che non vi sia una segnaletica messa a disposizione del comune ed è veramente assurdo (nel 2018) che ancora non si faccia uso delle coordinate geografiche che permetterebbero ai turisti di localizzare tutto con estrema facilità. 

Parliamo delle cose belle. Chi viene in moto può salire a Gallese direttamente passando per Scalo Teverina, il che vi permetterà di salire utilizzando una splendida serie di stradine strette e meravigliose. Di questo tragitto vi faccio vedere la mappa di seguito.

Essenzialmente la strada di collegamento a Gallese passerebbe sempre per la strada provinciale 150 ma, invece che prendere successivamente la strada provinciale 34, vi propongo di salire per lo svincolo riportato in mappa e che si riconosce dalla presenza della fabbrica GSI. Il percorso è fattibile anche ai meno esperti e vi condurrà in una serie di stradine meravigliose.

In definitiva è stata una bella gita ma rimane spiacevole vedere la disorganizzazione in un Comune che non offre sufficiente attenzione al turismo. Voi potrete pensare che io stia esagerando: ebbene questo è lo screenshot del sito del Comune di Gallese al giorno 08/08/2018 ore 18:07…giudicate voi.

 La sezione “Turismo e ambiente” del sito del Comune di Gallese
E niente, questo è il video caricato su Facebook…
Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *