579144_10151508129197042_1947555436_n

Un lavaggio appiccicoso

579144_10151508129197042_1947555436_n

Questa mattina il mio meccanico mi ha mandato un messaggio su Facebook che, in sostanza, diceva:

Non lavarae la catena con i grassi spray perchè la butti.

Ho indagato con lui e ho scoperto una cosa interessante ma forse scontata e non del tutto sbagliata. Il grasso spray contiene, logicamente, un collante. Un collante che serve per aderire alla catena e proteggerla. Stendendo bene il grasso della catena, si protegge la moto da sporcizia e frammenti di asfalto ma è davvero così?

In realtà il grasso per la catena diventa, a distanza di tempo, un collante per la sporcizia stessa che, per un effetto di normale accumulo, ingloba i detriti e li mette a contatto con catena, corona e pignone. Cosa si può fare?

Non usare i grassi spray avedo cura di sceglierne di buoni, che tutelino la catena. Questo sicuramente aiuta ma il Bardahl o il PBR sono marche ottime, effettuare un lavaggio periodico può semplificare e aggirare il problema del deposito dei detriti. A maggior ragione se la moto in questione ha una catena dotata di O-ring.

In conclusione, avendo tempo e voglia, si potrebbe ricorrere ad un bel barattolo di grasso siliconico e procedere alla spalmatura a mano. Niente collanti, niente detriti, niente sporcizia. In alterntiva, grasso spray e lavaggi regolari  e ricordate che dopo 130.000 Km circa sarebbe opportuno catena, corona e pignone.

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *