SW-Motech: installazione faretti EVO-FOG

Arriva l’inverno, le giornate si accorciano e quando sei di notte in aperta campagna sono cavoli amari se la strada non è buona.



Ok, diciamola tutta: ho sempre pensato che avere i faretti fosse un plus di cui si sarebbe potuto anche fare a meno ma mai quanto sabato scorso mi sono reso conto che sbagliavo. Di notte, sulla strada di collegamento cassia bis-Civita Castellana, non vedendo una beneamata mazza perché le linee di margine erano sparite.

Ecco quindi la decisione finale di ordinare i faretti e dopo un po’ di ricerca ho preso quelli della SW-Motech perché, rispetto a competitor come GIVI, sono decisamente più potenti. Parliamo di potenza: 12W per LED con un flusso luminoso di 1050 lumen (LM) per faretto.

La confezione dei faretti aperta appare come la state vedendo in foto: nella parte inferiore trovate guarnizioni, cablaggio già preparato e interruttore. Da notare che il cablaggio è di ottima manifattura, ben protetto da guaine spesse e facente uso di connettori stagni con cui collegare le varie parti.

Poiché su internet non ho trovato foto che soddisfacevano la mia curiosità, ve ne allego qualcuna.

Da notare che l’interruttore è “a tre vie”: on, off e retro-illuminazione. La parte posteriore dell’interruttore ha i contatti scoperti ma non rappresenta un problema per l’acqua considerando che ci sono anche le guarnizioni a protezione per chi avesse il tubolare da manubrio più stretto. Con questo tipo di attacchi potete sostituire l’interruttore facilmente acquistando le varie componenti su Amazon.

Installazione

Tutto ruota intorno ad un cordone di fili centrale: protetto da due fusibili. Il cordone è così composto:

  • Dalla batteria partono due cavi (uno dei due protetto da fusibile) e arrivano ad un relè.
  • Dal relè partono tre cavi:
    • Due vanno rispettivamente ai faretti di destra e sinistra (connettore a due vie).
    • Un terzo cavo va all’interruttore (connettore a tre vie).
    • Vi è anche un filo (protetto) che si aggancia ad un positivo sotto-chiave per garantire il corretto funzionamento solo a motore acceso del tutto.

Lo schema è riassumibile qui.

Vi viene dato in dotazione anche un rubacorrente (di cui abbiamo parlato ampiamente qui) per agganciarvi alla linea elettrica esistente.

Consiglio: io ho agganciato il cavo verde dei faretti all’anabbagliante della moto. Questo ha prodotto risultati molto buoni e nel mio caso il cavo era di colore giallo, posto nella parte superiore della calotta in cui sono posizionati i contatti. È un po’ fastidioso lavorare dentro quel vano, perchè è stretto ma è comunque fattibile gestire l’intervento. Mi raccomando di non mettere il rubacorrente troppo vicino agli attacchi.

Come è andata l’installazione

L’installazione è andata benino, sono stato aiutato dall’impagabile Raimondo che già mi ha seguito in altre opere. Diciamo che quello che è successo è molto indicativo sia della qualità del prodotto sia della difficoltà di incrociare due prodotti di natura commerciale e non originale. Vi ricordo, infatti, che il telaio para-motore non è di BMW ma è di GIVI (link all’installazione qui).

Per prima cosa ho avuto problemi a bloccare i faretti sul telaio perchè le guarnizioni dei morsetti che reggono i faretti non sono dello spessore adeguato per il para-motore GIVI. La SW-MOTECH vi rifornisce di oltre tre spessori da inserire nei morsetti ma o erano troppo sottili, o troppo spessi. Quindi ho dovuto aggiungere uno spesso interno in gomma di mia proprietà. Niente di molto complicato ma questo mi ha fatto porre alcune domande sul para-motore in quanto il diametro del tubolare non è chiaramente uguale a quello dell’originale BMW.

Il secondo problema è la connessione del cavo verde. L’installazione sulla presa di servizio non ha funzionato. Abbiamo dovuto optare per un collegamento al cavo positivo del faro anabbagliante, effettuando un piccolo foro sul tappo di protezione delle luci. Abbiamo effettuato la connessione con un piccolo rubacorrente e tutto è andato liscio.

Video

Vi lascio al video che vi avevo promesso!


Voto

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *