Archimede Bikes sforna la borsa da manubrio perfetta

Dovete sapere che quando feci la recensione al deflettore di Archimede Bikes non vi parlai di un altro prodotto molto interessante: la borsa da manubrio. Lo faccio oggi, con la versione evoluta di questo prodotto artigianale.

Sono appena tornato da una giornata da 670 km fatti in diurna e notturna e questa mattina ero da Archimede e mi si è letteralmente aperto un mondo stupendo.

Chi è Archimede Bikes

Dietro il nome di Archimede Bikes si nasconde un artigiano toscano (un toscanaccio…Vasco Scarselli) che con le sue mani pregiate realizza prodotti di assoluta qualità. Entrare nella sua bottega è disorientante: un tripudio di macchine strane pronte all’uso, dietro schermi accesi, punte e lame. Tutto è in attesa di funzionare dietro le mani di Archimede che si presenta come un uomo immediato, sincero, simpatico. Dio che meraviglia. Archimede mi accoglie con la massima cordialità e mentre rubo con gli occhi (e con la macchina fotografica) inizio ad intervistarlo con discrezione.

Scopro che questo signore opera con le sue mani d’oro dal 1970 circa e non si è mai fermato: adora il suo lavoro e ancor più applicarlo sulle moto. Decido di approfondire l’argomento moto e mi fa vedere qualche prototipo di cui preferisco non parlarvi ancora.

Il porta oggetti

Chiariti gli aspetti storici di Archimede, decido di concentrarmi sul prodotto: il porta oggetti da manubrio e lui tira fuori la nuova versione. Al primo impatto risulta essere molto più curata, elegante e sobria della prima edizione ma c’è di più…è meglio costruita.

Le cuciture ora seguono tutto il velcro andando a rafforzare la solidità del prodotto.Oltre la resistenza all’acqua, un fattore interessante di questo prodotto è la sua personalizzazione di cui Vasco mi aveva solo accennato e che sono andato a spulciarmi sul suo sito a questo indirizzo. Il porta oggetti può essere logicamente personalizzato per esigenze specifiche, mi ha fatto morire la versione beauty e ho trovato meravigliosa l’idea degli attacchi per i traversini più corti (da 25)!

Gli attacchi poi possono essere color argento o color nero a scelta dell’utente e per gli smartphone più grandi l’inventore è pronto a ridimensionare l’apertura. Basta solo chiedere e lui lo realizza…incredibile!

Prima di lasciarvi al video mi sembra giusto condividere con voi il commento dell’amico Luigi P. che, avendo acquistato il porta oggetti per il suo Transalp (quindi con traversina stretta da 30), ha portato la moto a lavare constatando la tenuta impermeabile del prodotto.

Ecco lo scambio di messaggi tra Luigi e me (ovviamente non sapeva che lo avrei pubblicato!

Volete dettagli? Guardate la video-recensione.

La videorecensione del porta oggetti di Archimede Bikes!

Volete ordinarlo? Semplice, andate sul suo sito e contattatelo: http://www.archimedebikes.com

Altre invenzioni

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *