F800 GS 2017: un mese dopo

È passato un mese dall’acquisto e, dopo averla provata sull’asciutto, sul bagnato e dopo aver preso confidenza con l’impianto elettrico, vediamo che cosa è emerso di questa nuova versione del GS.

ABS

Merita una menzione a parte: l’ABS integrale BMW è veramente notevole. Rapido, scattante, interviene sempre con molta precisione garantendo fluidità nelle frenate ed evitando il bloccaggio della ruota. La mappa RAIN aumenta leggermente la sensibilità della frenata in condizioni di bagnato. È talmente affidabile che cambierà lo stile di guida di chi, come me, non lo aveva nella moto precedente.

IMPIANTO ELETTRICO

L’aggiunta di un fusibile vicino alla presa di servizio ha, forse, modificato leggermente il comportamento del CAN-BUS. Con il Garmin Zumo 590 LM connesso, allo spegnimento del motore, solo 3 volte su 7 la centralina ha tolto corrente. Molti sostengono che sia dovuto al fatto che la batteria non sia perfettamente carica ma, nel mio caso, la batteria è nuova di pacca ed era carica al momento della prova. Bisogna quindi staccare il navigatore prima di spegnere il motore e, dopo un minuto esatto, il CAN-BUS staccherà la corrente.

ERGONOMIA

Alcuni comandi sono di difficile attivazione in marcia. Le quattro frecce sono lontane ed in alto rispetto la posizione del pollice. Se siete in frenata o con la frizione tirata sarà difficile attivarle. È un peccato perchè si sarebbe potuto trovare una soluzione più comoda, come quella della versione 2009.

Buono il posizionamento degli abbaglianti a cui ci si abitua subito. Basta posizionare il dito sull’interruttore per il lampeggio e, invece di spingerlo, tirarlo. Benché a scriverlo può sembrare innaturale, è un gesto molto rapido che garantisce un passaggio estremamente rapido dall’abbagliante all’anabbagliante.

PRESTAZIONI

A marce basse il GS 2017 eroga un brio divertente ma meno nervoso della versione 2009. Si tratta di gusti, intendiamoci ma personalmente questo fattore ha risvolti duali: è un fattore positivo perchè riduce e ottimizza i consumi, è un fattore negativo perchè per il brio… bisogna aprire parecchio.

CICLISTICA

La F800 GS 2017 veramente piantata a terra. Merito dell’assetto delle sospensioni unite alle Anakee III che svolgono veramente un lavoro eccellente.  In condizioni non ottimali la moto reagisce comunque con una sicurezza e una leggerezza che vi permetterà di uscire fuori dagli impicci in modo semplice. Non è assolutamente una moto impegnativa.

CAMBIO

Rispetto alla versione 2009 il cambio è stato completamente rivisto. Lo avevamo già detto ma vi confermo che il comportamento è meno legnoso, più morbido e gradevole. Gli inserimenti sono più precisi e anche in scalata non ci si può lamentare.

 

La BMW F800GS è un modello rivisto, aggiornato ma non nuovo. Ciò nonostante è comunque una moto molto divertente e comoda da usare tanto in città, quanto in off.

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “F800 GS 2017: un mese dopo”