ITA-GER: giorno 04-Verso Baden Baden mai raggiunta

Per colpa delle gole di Hollenklam perdiamo tempo per capire dove sia l’accesso e alla fine rinunciamo ma riusciamo a vedere la cascata di Triberg e anche un paio di scoiattoli.

Il percorso che avevamo disegnato sulla base delle cartografie di altri motociclisti è notevole ma anche tremendamente lungo e quando arriviamo al Mummelsee (il piccolo lago di fare e gnomi dove si dice che vi siano rifugiati), è tardi. Siamo stanchi e diciamo di fermarci in una piccola pensione portata avanti da una signora tedesca molto brava e cordiale. L’albero si chiama Hotel Hirsch e la stanza è la più alta: la numero 10. Non manca nulla ed è accogliente, la cordialità della signora fa il resto. Stiamo una favola così scegliamo di farci due birre ghiacciate non dovendo più guidare.

La Germania è un paese bellissimo dove i turisti vengono (come è normale che sia) spesso e opportunamente spennati se non stanno accorti ed il tutto con delicatezza e silenzio ma non sempre. La gentilezza della signora dell’albergo Hirsch è una dimostrazione di onestà ma, per farci un esempio. Al ristorante la bottiglietta d’acqua da 0,25 a 2,50 euro sapendo che se devi guidare dovrai rifuggire l’alcol.

I tedeschi amano la velocità ma come gli svizzeri la esprimono sulle strade secondarie o di montagna dove pattuglie e velox sono più rari.

Le sigarette costano 7-8 euro a pacchetto e lo Stato tedesco fa di tutto per evitare lo sviluppo del vizio.

Si oggi siamo stanchi nonostante solo 187 km, le gite ci hanno davvero rallentato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.