ITA-GER: giorno 03-La Foresta Nera

Con un nome che lascia abbastanza dubbiosi, oggi ci siamo tuffati nella foresta nera, in un giro motociclistico all’insegna delle montagne e dei laghi. Vi premetto che dal punto di vista motociclistico non ho mai provato strade più belle e divertenti di quelle provate oggi.

L’itinerario

Partendo dall’hotel (ma anche da Friburgo va benissimo) siamo passati per Munstertal al fine di intercettare la strada che ci ha portato alla montagna di Belchem dalla quale abbiamo visto un paio di lanci fatti nel vuoto fatti con il parapendio (credo fosse quello). Dalla montagna di Belchem abbiamo proseguito verso la chiesa di Todtmoos ma era chiusa e quindi siamo scesi verso Walshut per prendere la celebre B500 risalendo verso il lago Schluchsee e poi Titisee.

240 Km chiusi in un anello fatto in 10h 51m (considerate i limiti di cui vi parlo dopo). Volete il GPX per il vostro navigatore? Eccolo

La guida in Germania

Se volete davvero divertirvi in Germania dovete rispettare i limiti, soprattutto sulla B-500. Vi potrei dire che sono studiati per le moto stradali, in modo da farvi rimanere incollati all’asfalto durante dei tornanti infiniti e molto morbidi durante i quali piegherete all’inverosimile ma in modo molto graduale. È così divertente guidarli che mi sono messo a ridere nel casco, e il tutto senza toccare freno perché ci arriverete gradualmente di freno-motore.

I velox ci sono eccome, non in tutti i paesini ma in molti di questi e funzionano molto bene. I cartelli sono quasi tutti precisi ed in generale sono tutti molto rispettosi di voi e del codice della strada. Guidare è un piacere.

Condividilo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *