Gita alla Faggeta dei Monti Cimini

Non c’è caffè in casa e quindi decido di recarmi fuori per prenderlo e di fare una colazione un po’ speciale: esco per andare in faggeta, una faggeta a cui sono molto legato, la faggeta dei monti Cimini.

Decido di salire la montagna non per la strada canonica, ma per una piccola scorciatoia che passa proprio per Soriano nel Cimino: una salita con il 20% di pendenza che mi obbliga a tenere il motore del GS bello arrabbiato e mi trascina tra fabbriche di fuochi d’artificio e luoghi immersi nel nulla. Il motore si comporta egregiamente, e quando spunto sulla provinciale mi servono pochi chilometri per completare la mia salita. Le auto e i trattori spariscono lasciando il posto a qualcosa di più bello: il silenzio della natura tra panorami sfumati dal cielo blu e montagne nascoste dietro l’orizzonte.

Quando raggiungo lo spiazzo di parcheggio la memoria torna indietro di almeno 30 anni. Ricordo che correvamo per il parcheggio e quasi mi sembra di vederci ancora lì, quasi mi sembra naturale sentire quelle voci ormai inghiottite in parte dal tempo. La faggeta dei Monti Cimini è un posto magico che può regalarvi serenità e attività fisica per un’intera giornata.

Gli amanti della mountain bike troveranno pane per i loro denti con percorsi specifici e piste di enduro non indifferenti mentre gli amanti del trekking potranno godere di scorci usciti da libri delle fiabe. Mi spiace per la qualità delle foto ma la mia fotocamera è rotta e ho dovuto scattare le immagini con la fotocamera frontale.

Ora che le giornate sono meravigliose e non si possono fare assembramenti, regalatevi la cosa più bella del mondo: una giornata nella natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.